domenica 13 dicembre 2009


by Shelley Jackson

Her girlfriend left but she found she was not alone in the house. "Let me speak," said the hair. She recognized it as one of her own. She had thought it was gone forever, but forever does not always last very long.

"I am amazed to see a hair stand alone, upright in the air," she said. "So speak."

The hair had a brassy light in its shaft. It stood and shone and swayed, and a wave ran up it and down and the frequency of the wave was such that a clear note was laid upon the air, and so the hair began to sing, and it sang these words: "Many a little makes a mickle, once bitten twice shy, time and tide wait for no man, a penny saved is a penny earned."

She assented to everything the hair said, and felt in her heart that the hair was right, and furthermore he cut a gallant figure, did slim, insinuating Mr Hair. Would she step out with him? Why yes.
At the appointed hour the hair came back and it brought friends. Together they swayed and arched like a wave. Light struck deep into the glassy swells. One hair curled and bounced like spindrift above the rest.

"Trust no man, though he be your brother," sang the hair, "who has hair one color, and a beard another. Loose lips sink ships. Out of sight, out of mind." She held out her hands, and the hair coiled around her wrists once, twice, many times. Then it towed her into the wave.

But when she was alone again, her heart changed, and the sight of her own hair on her shoulders filled her with loathing, and so she took clippers in hand and gave herself a buzz cut. All the hairs rose up upon the kitchen floor and danced around her feet, and then one by one they threaded themselves through the keyhole and were gone.

Now she entered into a time of trial. If she bent over a nosegay in a glass, a hair whipped itself many times around her nose and tweaked it. A hair lay coiled in every soup spoon she brought to her lips. She loathed lawns and would not picnic, because the hairs hidden among the grass blades bent over the cloth and nodded mockingly at her.

Now when she walked down the street the children shouted after her: "Mistress Mary quite contrary how does your garden fare? With silver hairs and golden hairs and hairy hairy hairy hair!"

At the museum she saw the hair in a Hogarth; it was disguised as a line, but she found it out, because she marked how sinuous and solitary it was, and that it was not content to stay coiled in the skirt of a bawd, but slung itself around a drunkard's throat, humped along the back of a cur snarling at a rat, and arched from a lad's trousers to the puddle on the ground. "There's my hair," she said. "I would know it anywhere." And she did: she knew it on the back seat of a car, recumbent between floor boards, on the shoulder of a gentleman's tweed overcoat, in the gutter of a book open to a page on which a careful reader would find the word "lies" written six times over, on a bus, in a restaurant, in a video store, at a lecture, at a political rally.

She took a walk in the park. She mounted a small rise, and the sun struck through the trees at her, and blinded her as she advanced. She shaded her eyes and saw a blazing shield. Between two trees, across the path, hung a spider's web as big as a garden gate. It was almost complete; a shining spider stepped, conjured the silk from its abdomen, stretched the line, dipped, rose, and let it snap into place. But it was not silk, no, the spider was spinning a web of hair. She ran from the horrible thing.

When she got home, she started a letter to her girlfriend. An old fashioned letter, on paper. She signed her name at the bottom. But when she lifted her pen, she pulled her signature straight. Then all her words unraveled. The letters lost their loops and slithered right off the page. She had written a letter to her lover. Oh, what had the letter said?

The hair is a subtle spirit, and noose to our passions. It counsels policy, silence and circumspection, and its songs incite no candid lunge to pen or gun, but the slow asphyxiation of deceit. In its coils the very breath studies cunning. Once broken, the body rises lightly and easily to the lie, and if you ever slip, the hair will knot around your neck, and hoist you up.


Encyclopedia of Marine Mammals

Unlike grizzly bears, polar bears are not territorial. Although stereotyped as being voraciously aggressive, they are normally cautious in confrontations, and often choose to escape rather than fight.

Fat polar bears rarely attack humans unless severely provoked, whereas hungry polar bears are extremely unpredictable and are known to kill and sometimes eat humans.

Polar bears are stealth hunters, and the victim is often unaware of the bear's presence until the attack is underway. Whereas brown bears often maul a person and then leave, polar bear attacks are more likely to be predatory and are almost always fatal. However, due to the very small human population around the Arctic, such attacks are rare.

In general, adult polar bears live solitary lives. Yet, they have often been seen playing together for hours at a time and even sleeping in an embrace,[51] and polar bear zoologist Nikita Ovsianikov has described adult males as having "well-developed friendships." Cubs are especially playful as well. Among young males in particular, play-fighting may be a means of practicing for serious competition during mating seasons later in life.

In 1992, a photographer near Churchill took a now widely circulated set of photographs of a polar bear playing with a Canadian Eskimo Dog a tenth of its size.[61][62] The pair wrestled harmlessly together each afternoon for ten days in a row for no apparent reason, although the bear may have been trying to demonstrate its friendliness in the hope of sharing the kennel's food.

This kind of social interaction is uncommon; it is far more typical for polar bears to behave aggressively towards dogs.


sabato 12 dicembre 2009



- - - -

Dear Josie,

After repeated instances of vandalism and abuse, I have taken the step of locking the Wikipedia article on our sex life. Although I have previously banned both your user account and your home IP address, malicious edits have continued, both anonymously and from newly registered users "alanequalswanker" and "ooohImabigimportantadmin."

I know that's you, Josie.

Neutral point of view is a fundamental principle of Wikipedia, and no one with a neutral perspective could claim that, over the six months during which we were engaged in a sexual relationship, my performance was "lackluster," "uninspired," or "noob-ish" (or, indeed, "noobian"). Nor could the physical intimacy we shared—which at the time you clearly found extremely satisfying—be objectively described as "unsettling [like] watching the films of David Lynch in a car without a working handbrake while parked near the edge of a cliff."

As a result of edits like these, I have been made to repeatedly revert the article to previous versions, where, you might remember, you described the physical act of love between us as "better than [you] imagined [possible]," "really sweet," and "well-intentioned."

Locking the article has also become necessary to prevent the constant reinsertion of a section with the heading "Like a Cowardly Slug That's Just Spotted a Pile of Salt," detailing at length the uncharacteristically unsatisfying night we shared in a Paris hotel last summer. As I made clear several times on the talk page of our sex life, that was a completely unrepresentative occasion and is therefore excluded from the article on the basis of a lack of notability.

I'm sorry that it has been necessary for this article to become one of only a handful of fully protected articles editable only by administrators, but Wikipedia is a serious and worthy endeavor, which you have repeatedly attempted to compromise by means of proxy IP addresses, puppet user accounts, and your bitch friend Carol. This juvenile behavior is unworthy of such a noble project.

Also, the article on "Your Vagina" now redirects to "Your Lonely, Aging Vagina."

All the best,
Alan (admin)

- - - -


giovedì 10 dicembre 2009

The telephone and its several inventors.

A traditional landline telephone system, also known as "plain old telephone service" (POTS), commonly handles both signaling and audio information on the same twisted pair of insulated wires: the telephone line. Although originally designed for voice communication, the system has been adapted for data communication such as Telex, Fax and Internetcommunication. The signaling equipment consists of a bell, beeper, light or other device to alert the user to incoming calls, and number buttons or a rotary dial to enter a telephone number for outgoing calls. A twisted pair line is preferred as it is more effective at rejecting electromagnetic interference (EMI) and crosstalk than an untwisted pair.

The telephone consists of an alerting device, usually a ringer, that remains connected to the phone line whenever the phone is "on hook", and other components which are connected when the phone is "off hook". These include a transmitter (microphone), a receiver (speaker) and other circuits for dialing, filtering, and amplification. A calling partywishing to speak to another party will pick up the telephone's handset, thus operating a button switch or "switchhook", which puts the telephone into an active (off hook) state by connecting the transmitter (microphone), receiver (speaker) and related audio components to the line. This circuitry has a low resistance (less than 300 Ohms) which causes DC current (48 volts, nominal) from the telephone exchange to flow through the line. The exchange detects this DC current, attaches a digit receiver circuit to the line, and sends a dial tone to indicate readiness. On a modern telephone, the calling party then presses the number buttons in a sequence corresponding to the telephone number of the called party. The buttons are connected to a tone generator circuit that produces DTMF tones which end up at a circuit at the exchange. A rotary dial telephone employs pulse dialing, sending electrical pulses corresponding to the telephone number to the exchange. (Most exchanges are still equipped to handle pulse dialing.) Provided the called party's line is not already active or "busy", the exchange sends an intermittent ringing signal (about 90 volts AC in North America and UK and 60 volts in Germany) to alert the called party to an incoming call. If the called party's line is active, the exchange sends a busy signal to the calling party. However, if the called party's line is active but has call waiting installed, the exchange sends an intermittent audible tone to the called party to indicate an incoming call.

giovedì 3 dicembre 2009

Sere di dicembre.

mercoledì 2 dicembre 2009

Si convenne che l'uccello gigante era un lontano parente dello struzzo.

Fu solo nel 1831 che l'ufficiale francese Victor Sganzin trovò sulla costa orientale alcuni indigeni che usavano come recipiente per l'acqua un uovo del diametro di oltre 30 cm. L'uovo, inviato a un commerciante di Città del Capo, e da lui a Parigi, affondò con la nave che lo portava. Nel 1848 il commerciante Dumarèle vide un uovo gigantesco in possesso di un capo indigeno, il quale gli disse che l'uccello che lo deponeva esisteva ancora nella vicina foresta. La notizia destò interesse in tutto il mondo, ma nessuno riuscì a trovare e a catturare il grande uccello. Nel 1850 però furono spedite a Parigi tre uova e alcuni frammenti: i molti scienziati che li esaminarono dettero pareri diversi sulla natura dell'uccello che le aveva deposte.
Ogni uovo era enorme: con un peso di oltre 12 kg e contenente 8 litri, pari a 7 uova di struzzo ovvero oltre 180 di gallina.


Atti innaturali, pratiche innominabili.


di Donald Barthelme


Il pallone, dopo aver preso origine in un certo punto della

Quattordicesima Strada, la cui esatta posizione non

posso rivelare, si dilatò durante la notte verso nord, mentre

la gente dormiva, fino a raggiungere il Parco. Là lo feci

fermare; all’alba i bordi settentrionali stazionavano sopra

il Plaza; il movimento in sospensione libera era lieve e

gentile. Ma avvertendo un vago senso di disagio all’idea

che dovesse fermarsi, anche al fine di proteggere gli alberi,

e non essendoci inoltre alcuna ragione per cui al pallone

non fosse concesso di dilatarsi verso l’alto, sia pure su

quelle parti della città che già copriva, su verso lo “spazio

aereo” raggiungibile, dissi ai tecnici di provvedere in tal

senso. Questa ulteriore dilatazione ebbe luogo in mattinata,

leggero impercettibile sospirare di gas attraverso le

valvole. Il pallone arrivò quindi a coprire quarantacinque

isolati in direzione nord-sud e una zona irregolarmente

delimitata da est a ovest, perfino sei vasti isolati su entrambi

i lati dell’Avenue, in alcuni punti. Questa era la situazione,


Ma non è esatto parlare di “situazioni”, con ciò alludendo

a determinati complessi di circostanze che portano

a una certa soluzione, a un certo calo di tensione; non c’erano

situazioni vere e proprie, c’era semplicemente il pallone

sospeso lassù – toni spenti, grigi scuri e marroni più

che altro, contrastati da morbidi gialli dalle sfumature

brune. Una voluta mancanza di rifinitura, resa anche più

evidente dalla perfezione delle strutture portanti, dava alla

superficie un aspetto grezzo, quasi trasandato; all’interno

un sistema di pesi scorrevoli, calcolati al milligrammo,

ancorava la vasta massa multiforme a un certo numero

di postazioni fisse. Ora, è vero che ci sono state centinaia

di idee geniali per ogni tipo di mezzo espressivo,

opere di bellezza davvero singolare e allo stesso tempo

autentiche pietre miliari nel corso della storia del gonfiaggio,

ma in quel momento c’era solo quel pallone, concreto

specifico, sospeso lassù.

Ci furono delle reazioni. Alcune persone trovarono il

pallone “interessante”. Questa pareva reazione inadeguata

all’immensità del pallone, alla repentinità della sua

apparizione sulla città; d’altra parte, in assenza d’isterismo

collettivo o d’altra forma di agitazione sociopsicologica,

la si deve giudicare una reazione serena, “matura”.

Ci fu all’inizio una discussione non trascurabile intorno

al “significato” del pallone; si acquietò presto, tuttavia,

poiché ci è stato insegnato a non insistere troppo sulla ricerca

dei significati, tanto che oggi è perfino raro che li si

cerchi davvero, salvo che nei casi relativi ai fenomeni più

semplici, più innocui. Si concluse perciò che, non essendo

possibile conoscere in assoluto il significato del pallone,

una discussione prolungata era inutile, o comunque meno

proficua, per esempio, dell’attività di coloro che, in

certe strade, appendevano lanterne di carta verdi e blu

sotto la tiepida pancia grigia del pallone oppure coglievano

l’occasione per scriverci sopra dei messaggi, dichiarandosi

disponibili per atti contro natura, o facendo presente

la disponibilità di certe loro conoscenze.

I ragazzini più intraprendenti ci saltavano sopra, specialmente

in quei punti dove il pallone era molto vicino a

un edificio, per cui la distanza tra pallone e edificio era

questione di pochi centimetri, o in punti in cui il pallone

veniva addirittura a contatto con l’edificio, esercitando

una leggerissima pressione contro un lato di esso, tanto

che pallone e edificio parevano una cosa sola. La superficie

superiore era sagomata in modo da presentare una

sorta di “paesaggio”: piccole valli come pure lievi pendii

o collinette. Giunti in cima al pallone, era possibile fare

una passeggiata, e perfino un viaggetto da una località all’altra.

Era gradevole correre giù per una discesa e poi su

per l’opposta salita, l’una e l’altra in dolce pendenza, oppure

spiccare un salto da un versante all’altro. Si rimbalzava

agevolmente, poiché la superficie era pneumatica, e

volendo ci si poteva anche lasciar cadere senza danno.

Che tutti questi vari movimenti, come anche altri, rientrassero

nell’ambito del possibile, nel corso dell’esplorazione

della parte alta del pallone, era cosa eccezionalmente

eccitante per i bambini, abituati alla superficie piatta e

dura della città: un’autentica festa. Ma lo scopo reale del

pallone non era quello di far divertire i bambini.

Inoltre, c’è da notare che il numero di quelli, adulti e

bambini,che approfittarono delle opportunità descritte

non fu poi così massiccio come avrebbe potuto essere: fu

rilevata una certa riluttanza, una certa diffidenza verso il

pallone. Ci fu perfino una qualche ostilità. Avendo noi celato

le pompe che iniettavano elio nell’interno, ed essendo

la superficie tanto vasta che le autorità non riuscirono

a localizzare il punto d’entrata – cioè il punto dove veniva

immesso il gas – si rilevò un certo grado di frustrazione

nei funzionari preposti alle zone più direttamente interessate

dal fenomeno. Irritante senza dubbio era l’apparente

mancanza di motivazione del pallone (come lo era il

fatto che esso si trovasse proprio “lì”). Se sulle fiancate

del pallone avessimo scritto a caratteri cubitali: “dimostrazioni

di prove di laboratorio” o anche: “più efficace del 18%” tale disagio sarebbe stato evitato.

Ma io non avevo affatto intenzione di farlo. Tutto sommato

bisogna ammettere che i funzionari di cui si è detto

furono assai tolleranti, considerando le dimensioni del

fatto anomalo; tale tolleranza era il risultato di: primo,

esperimenti segreti effettuati nottetempo che li avevano

convinti di come poco o nulla si potesse operare al fine di

rimuovere o distruggere il pallone; e, secondo, l’indubbio

calore (non privo di una certa ostilità, come si è detto

poc’anzi) dimostrato dai comuni cittadini nei riguardi del


Poiché un singolo pallone è ampiamente sufficiente per

un’intera vita di meditazione sui palloni, ogni cittadino

espresse, nella presa di posizione da lui assunta, tutto un

complesso di prese di posizione. Vi fu forse chi identificò

il pallone con il concetto di oscurare, nel senso della frase:

Il grande pallone oscurò il cielo di Manhattan altrimenti

terso e radioso. Cioè, il pallone rappresentava, secondo il

convincimento di quella persona, una frode, un qualcosa

di inferiore rispetto al cielo che si trovava lassù in precedenza,

un elemento interposto tra la gente e il suo “cielo”.

Ma, in realtà, era gennaio, il cielo era buio e brutto; non

uno di quei cieli da guardare standosene comodamente

sdraiati a pancia all’aria per strada, e da guardare con

piacere, a meno che uno non provi piacere a essere minacciato,

e magari seviziato. Tanto più che la parte inferiore

del pallone era di gradevole effetto vista dal basso,

già si è notato, con i suoi grigi e i suoi marroni, alternati e

contrastati da morbidi gialli insoliti con sfumature brune.

E pertanto, benché quella persona fosse dominata dal

concetto di oscurare, ci doveva essere in lui indubbiamente

una sottile vena di piacere, in lotta con la sensazione


Una diversa persona, viceversa, forse includeva intimamente

il pallone in un insieme di gratificazioni non preventivate,

come quando il principale della ditta entra e ti

dice: “Ecco qua, Henry, ho messo insieme questo bel fascio

di banconote per te, perché stiamo andando a gonfie

vele, e io personalmente apprezzo moltissimo il tuo modo

di frantumare i tulipani, operazione senza la quale il tuo

reparto andrebbe male, o quanto meno non così bene come

va”. Per costui il pallone era forse un’esperienza di tipo

eroico, un “giorno da leoni”, anche se magari un’esperienza

male interpretata.

Un altro individuo poté forse osservare: “Senza il precedente

di... non si può affermare con certezza che... esisterebbe

nella sua forma attuale”, incontrando anche

molti consensi, e magari qualche dissenso. Vennero introdotti

i concetti di “gonfiore” e di “fluttuazione”, come

pure le idee di sogno e responsabilità. Altri s’addentraro

no in fantasie minuziosamente particolareggiate connesse

in fondo con il desiderio di perdersi nel pallone oppure

di divorarlo. La natura di tali desideri, sepolti in profondità

e di fatto ignorati, era talmente intima e personale

che quasi non se ne parlò. Eppure si dà per certo che ebbero

non piccola diffusione. Si sostenne anche che la cosa

più importante fosse quel che si provava stando sotto il

pallone: alcuni sostenevano di sentirsi al caldo e al sicuro

come mai in precedenza, mentre gli avversari del pallone

si sentivano, o asserivano di sentirsi, come schiacciati,

una sensazione di “pesantezza”.

Le opinioni critiche erano divise:

“colate mostruose”


XXXXXXX “certi contrasti con zone più scure”

“intima gioia”

“grandi angoli squadrati”

“L’eclettismo conservatore che ha sin qui dominato il design

dei palloni moderni”

: : : : : : : “vigore abnorme”

“passaggi soffici, caldi, indolenti”

“Si è forse sacrificata l’unità in favore di una discutibile qualità?”

Quelle catastrophe!


La gente prese, particolare curioso, a indicare la propria

posizione facendo riferimento a certi settori del paldonald

lone: “Ti aspetto nel punto dove si abbassa sulla Quarantasettesima

Strada, fin quasi a toccare il marciapiede, proprio

vicino alla Alamo Chile House”, oppure: “Perché

non ce ne andiamo in cima a prendere una boccata d’aria,

e magari a fare anche due passi, lassù dove forma una linea

curva fino alla facciata della Galleria d’Arte Moderna...”

Entro periodi di tempo limitati, certe intersezioni

marginali creavano degli accessi, o anche “passaggi soffici,

caldi, indolenti”, nei quali... Ma è improprio parlare di

“intersezioni marginali”: ogni intersezione era cruciale,

nessuna poteva essere trascurata (visto che, passeggiando

nei paraggi, non si poteva fare a meno di notare qualcuno

capace di attirare su di sé l’attenzione esibendosi all’improvviso

in esercizi acrobatici sempre diversi, in scalate

rischiose e spettacolari). Ogni intersezione era cruciale,

fosse punto d’incontro fra pallone e edificio, punto d’incontro

fra pallone e uomo, o anche punto d’incontro fra

pallone e pallone.

Qualcuno avanzò l’ipotesi che forse, in definitiva, ciò

che più si ammirava, ciò che più stupiva nel pallone era la

sua peculiarità di non essere un’entità limitata, o in qualche

modo definita. A volte un gonfiore, una protuberanza

o una sottosezione qualsiasi si spingeva di propria iniziativa

per un bel tratto verso est, fino al fiume, in modo del

tutto analogo al movimento di un esercito su una mappa,

quale si può notare in un quartier generale assai lontano

dalla prima linea. Quindi quella stessa porzione, o sottosezione

qualsiasi avrebbe anche potuto, come in effetti

avveniva, venire ricacciata o magari ritirarsi di propria

iniziativa fino al punto di partenza e magari su nuove posizioni.

La mattina seguente quella stessa porzione poteva

avere assunto una nuova configurazione oppure essere

sparita del tutto. Questa facoltà del pallone di forgiarsi da

solo, mutando di continuo, era molto ammirata, soprattutto

da gente la cui vita aveva una struttura piuttosto rigida:

gente per la quale il cambiamento, per quanto desiderato,

non era certo a portata di mano. Il pallone, durante

i ventidue giorni della sua esistenza, consentì, nella

sua casualità, di far vagare liberalmente l’io di molti, in

contrapposizione con la rete di sentieri precisi, squadrati,

sotto i nostri piedi. Il cospicuo grado di specializzazione

ormai comunemente richiesto, e la conseguente preferenza

per impieghi a lungo termine, sono stati determinati

dall’importanza sempre crescente, virtualmente in ogni

tipo di lavorazione, di macchinari molto complessi. Col

crescere di tale tendenza, un numero sempre maggiore di

persone, tormentate da un penoso senso di inadeguatezza,

ricercherà soluzioni per le quali il pallone può venir

considerato come un prototipo, o “abbozzo”.

Ci incontrammo sotto il pallone, al tuo ritorno dalla

Norvegia. Mi chiedesti se era mio; ti risposi di sì. Il pallone,

dissi, è una spontanea apertura autobiografica, connessa

con il disagio da me provato in tua assenza, e con

l’astinenza sessuale, ma ora che il tuo soggiorno a Bergen

è terminato, esso non è più necessario e neppure pertinente.

Rimuovere il pallone non fu difficile: autofurgoni

con rimorchio portarono via il telone ormai sgonfio, che

ora giace in un magazzino nella West Virginia, in attesa di

un nuovo periodo d’infelicità. Un giorno, chissà, quando

io e te avremo litigato.